mercoledì 15 maggio 2013

Il mare, la notte, il blu. Blue Record: intervista a Carlo Barbagallo.

Carlo Barbagallo. Blue Record. Un lungo viaggio iniziato dalla Sicilia, una meta sicuramente raggiunta a suon di folk-blues, ma non solo. Cicatrici del passato che ora acquistano un sapore diverso, o forse è solo la luce della maturità che lascia intravedere, al nostro ormai completo artista, il barlume della speranza. Perché in fondo la vita, se ti fermi a pensarci bene, è solo una merda. Ma con un sottofondo cosi, ci può stare.



Barbagallo, che non ha mai smesso di correre senza meta, si ferma e guarda indietro.”

Hai frequentato il corso per Tecnico del suono e di registrazione presso la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo, collabori con il Blue Record Studio e frequenti la Scuola di Musica Elettronica del Conservatorio di Torino.  Ti sei davvero fermato?

No, non credo. Le parole della presentazione al disco sono state scritte da un grande amico (http://demarion.bandcamp.com/), chitarrista dei Suzanne’Silver (http://suzannesilver.bandcamp.com/), che probabilmente ha avvertito dei riferimenti alla musica con cui siamo cresciuti più che una vicinanza ai miei ultimi esperimenti elettroacustici (in corso di documentazione su The Noja RecordingsArchives - http://nojarecordings.tumblr.com/) che a Blue Record sono contemporanei.

- Quando guardi indietro cambieresti qualcosa o credi di aver fatto tutto bene, visto il tuo punto d’arrivo?

In questi mesi sto lavorando ad un pezzo sul tema dell’approdo (insieme ad altri sei giovani compositori selezionati dal PremioPhonologia del Centro Culturale San Fedele di Milano eseguiremo un concerto con l’acousmonium del San Fedele il 17 Giugno). Nei mesi, riflettendo sul tema, credo di esser sempre più convinto che per me sia ben più importante documentare ogni istante del percorso più che domandarmi da dove parto o dove voglio arrivare.

-Viste le tue “qualifiche” ti definisci più un tecnico o un musicista? Credi che a volte essere più l’uno o più l’altro ti penalizzi?

Fondamentalmente non credo di essere nessuno dei due. Nel tempo cerco di assimilare nuove conoscenze ma per il resto faccio lo stesso che facevo quando ero bambino: gioco.

-La presentazione di De Marion del tuo ultimo lavoro Blue Record, ci lascia con la “perla”finale : …e la vita che è una vera merda.
La tua, a leggere il tuo curriculum sembra essere la presa di coscienza del motto “volere è potere”. Condividi comunque il pensiero di De Marion?

Certo, condivido: la soglia del “volere” si rinnova continuamente quindi la vita non può che essere una merda!

-Sempre attivo in varie collaborazioni (Suzanne’Silver, Albanopower,  LaMoncada) non mancano certo qui alcune partecipazioni (Dead Cat in a Bag, Io Monade Stanca e LesDix-HuitSecondes). Affinità elettive o cosa?

Affinità certamente, ma anche causalità voglia di fare e divertimento.

-Molti album in circolazione hanno avuto una fonte d’ispirazione. Non voglio chiederti autori, musicisti o registi a cui fai riferimento o che ti piacciano particolarmente, ma c’è qualcosa che hai visto o sentito che ti ha dato il la per l’incisione di Blue Record?

Blue Record è nato dalla frequentazione quotidiana del Blue Record Studio di Mondovì nel 2011. Il la è stato sicuramente dato dalla voglia di sperimentare in libertà con la fantastica strumentazione vintage presente in quel luogo e dalla stupefacente esaltazione nel fare che ho condiviso con le persone che ho conosciuto lì.

-E ora che siamo alla fine, puoi dire qualsiasi cosa, da quello che volevi ti venisse chiesto a tutto ciò che hai dimenticato di dire. 


Che ne pensate di Blue Record?




0 commenti:

Posta un commento

 
©2011 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ